spettacoli

LA STAGIONE LIRICA DI ANCONA 2018

on .

ago-18 01-Guillaume Tourniaire direttore un ballo in maschera  - Copia 
Le due opere scelte per la Stagione Lirica 2018 di Ancona appartengono alla storia del Teatro delle Muse. In scena vedremo due nuovi allestimenti e nuove produzioni di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi e La Cenerentola di Gioachino Rossini. 
 
La Stagione Lirica si apre venerdì 21 settembre con replica domenica 23 settembre al Teatro delle Muse con il titolo Un ballo in maschera Opera in tre atti, libretto di Antonio Somma basato sul libretto di Eugène Scribe Gustave III, ou le Bal Masqué, musica di Giuseppe Verdi, direttore Guillaume Tourniaire, regia Pete Brooks, scene e costumi Laura Hopkins, video Simon Wainwright. L’appuntamento è un nuovo allestimento della Fondazione Teatro delle Muse.
ago-18 02-Pete Brooks regia un Ballo in maschera - Copia 
La seconda opera in scena sarà venerdì 12 ottobre e domenica 14 ottobre con La Cenerentola ossia La bontà in trionfo, dramma giocoso in due atti di Jacopo Ferretti, musica di Gioachino Rossini con direttore Giuseppe Finzi, regia e scene Francesca Lattuada, costumi Bruno Fatalot, luci Lucio Diana. La Cenerentola è nuovo allestimento Fondazione Teatro delle Muse in collaborazione con l’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” del Rossini Opera Festival.
 
Un Ballo in maschera è uno dei titoli del repertorio di Franco Corelli, al cui nome il Teatro ha voluto legarsi. L’opera – apparsa su questo palcoscenico nel 1861, a tre anni dalla prima rappresentazione romana, e tornata con insistenza ad anni alterni nelle stagioni fino al 1879 –  è stata messa in scena nel nuovo edificio nel dicembre del 2003, con un storico allestimento di Giancarlo Cobelli.

A quindici anni di distanza, viene riproposta ripristinando l’ambientazione originale della vicenda, che il librettista Antonio Somma aveva tratto da Gustave III ou Le Bal Masquè di Scribe: una vicenda dalla tinta “nordica” alla corte svedese di re Gustavo, come Verdi voleva, prima che la censura romana – pur se meno drastica di quella napoletana, che ne aveva impedito la rappresentazione al San Carlo – imponesse uno spostamento a Boston, presso il governatore britannico Riccardo.
Affidata alla direzione di Guillaume Tourniaire, l’opera si avvarrà della regia di Peter Brooks, che firmò la Tosca del 2016.

ago-18 03-Giuseppe Finzi-direttore La Cenerentola - Copia 
La Cenerentola fu accolta dal pubblico anconetano duecento anni fa, sul palcoscenico della Fenice, nel Carnevale 1818, un anno dopo la prima romana al Teatro Valle. Alle Muse arrivò nel 1829, ripresa altre due volte nel secolo XIX e una sola nel Novecento, per la Fiera di San Ciriaco del 1831. Torna per la prima volta nel nuovo Teatro, come contributo alle celebrazioni dei centocinquanta anni dalla morte del compositore, in collaborazione con l’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” del Rossini Opera Festival, come accadde lo scorso anno per Il Barbiere di Siviglia.

ago-18 04-Francesca Lattuada portrait gesista de La Cenerentola - Copia
Il nuovo allestimento è firmato da un’artista italiana, Francesca Lattuada, che vive e opera a Parigi: coreografa, musicista e cantante, ha recentemente presentato all’Opéra di Versailles Le ballet royal de la nuit, che in Francia si è rivelato uno degli avvenimenti della passata stagione. La direzione è affidata a Giuseppe Finzi, le cui benemerenze rossiniane annoverano tre diverse produzioni de Il barbiere di Siviglia al Liceo di Barcellona, San Francisco Opera e alla Maestranza di Siviglia.
 
Come di consueto sono previste le guide all’opera: domenica 16 settembre per Un ballo in maschera e domenica 7 ottobre per La Cenerentola, sempre alle ore 11 al Ridotto del Teatro delle Muse. L’appuntamento è ad ingresso libero.
 
I prezzi degli abbonamenti e dei biglietti restano invariati. 
 
Per informazioni e prenotazioni biglietteria Teatro delle Muse Via della Loggia, 1d – 60121 Ancona  tel. +39 071 52525 - mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.                
 
 

Condividi questo articolo

facebook