spettacoli

TRITTICO DI BALLETTO - FINO ALL'8 APRILE

on .

mar-17 The Concert di Jerome Robbins  Yasuko Kageyama - Teatro dellOpera di Roma
Robbins / Preljocaj / Ekman: il trittico d’autore al Teatro dell’Opera di Roma
 

È in scena al Teatro Costanzi dal 31 marzo all’8 aprile trittico d’autore Robbins/Preljocaj/Ekman. Il programma si compone di tre titoli eseguiti nel seguente ordine: The Concert di Jerome Robbins, Annonciation di Angelin Preljocaj e Cacti di Alexander Ekman.

Le tre opere coreografiche non sono mai state danzate dal Balletto del Teatro dell’Opera di Roma prima di ora.
The Concert del coreografo americano Jerome Robbins è del 1956, ripresa al Teatro dell’Opera di Roma da Jean-Pierre Frohlich e Stéphane Phavorin. 
Annonciation del coreografo francese d’origine albanese Angelin Preljocaj è del 1995, ripresa da Claudia De Smet con la supervisione dello stesso.
Cacti del coreografo svedese Alexander Ekman è del 2010, ripresa da Spenser Theberge e Nina Botkay.

 mar-17 JeromeRobbins full 
Jerome Robbins (foto) crea The Concert, The Perils of Everybody per il New York City Ballet con il quale debutta  il 6 marzo 1956 al City Center of Music and Drama di New York. Il balletto - particolarmente brillante, in un atto - ritrae i comportamenti di un pubblico che ascolta un concerto per pianoforte e affresca situazioni ricorrenti durante i concerti, innescando un crescendo di gags dalla forte componente umoristica. Il pianista, che in questo debutto romano è Enrica Ruggiero, suona Frédéric Chopin in scena: i suoi spettatori lo raggiungono, si portano una sedia e animano comicamente il concerto, esternando, con gesti e atteggiamenti, i comportamenti che li caratterizzano.  

C’è il ragazzo attento che siede in prima fila, le due donne che scartano caramelle e disturbano il ragazzo parlando in continuazione, la donna bella e sinuosa che ascolta languidamente il concerto appoggiandosi al pianoforte, la donna vigorosa dal forte temperamento, il marito premuroso succube della moglie dispotica, il timido occhialuto, il ritardatario che disturba i presenti, la maschera che chiede i biglietti e fa spostare gli spettatori da un posto all’altro. In scena con il Corpo di Ballo e i Solisti del Teatro dell’Opera di Roma i primi ballerini Rebecca Bianchi e Manuel Paruccini.

mar-17 preljocaj a6e4d9622a775d7eed800918154a7577 XL 
Angelin Preljocaj (foto) crea Annonciation al TNDI di Châteauvallon che debutta all’Opera di Lausanne, dove riceve un’ottima accoglienza. Nel 1997 vince il Bessie Award. La coreografia,  una pièce per due danzatrici, porta in scena un momento chiave della nostra religione, ossia l’incontro tra la Vergine Maria e l’Arcangelo Gabriele. Mentre l’iconografia ha più volte rappresentato questo soggetto, l’arte coreografica no. Angelin Preljocaj affronta con decisione questo tema, dando vita a una tessitura coreografica capace di rappresentare l’idea di un corpo in trasformazione.

L’incontro tra le due danzatrici è di grande impatto e sviluppa un dualismo di grande qualità che evidenzia le sensazioni contrastanti: tensione e forza da una parte, morbidezza e fragilità dall’altra. Questo dualismo non solo è particolarmente evidente nella coreografia ma è anche sottolineato dalla musica del compositore canadese Stéphane Roy, in perfetta antitesi con il Magnificat di Antonio Vivaldi. Straordinarie interpreti di questo cameo sono l’étoile Eleonora Abbagnato e la prima ballerina Rebecca Bianchi.

 mar-17 Eleonora Abbagnato in Annonciation di Angelin Preljocaj   Jean-Charles Verchere
Alexander Ekman crea Cacti per il Nederlands Dans Theater 2, e debutta con grande successo al Lucent Dans Theatre di Den Haag.  È una coreografia per sedici ballerini che, inginocchiati su quadrati bianchi, creano variazioni ritmiche usando il proprio corpo.  Il corpo strumento dei ballerini è accompagnato da registrazioni vocali, che forniscono un’ironica narrazione dell’azione scenica, e da un quartetto d’archi. Quest’ultimo – che per il debutto al Teatro dell’Opera di Roma è il  Quartetto Sincronie composto da Houman Vaziri (violino), Agnese Maria Balestracci (violino), Arianna Bloise, (viola), Francesca Villiot (violoncello) - è fisicamente presente sul palcoscenico e suona un repertorio che include Haydn, Beethoven, Schubert e Mahler. I ballerini corrono, cadono, scrivono e cercano di scappare dalle loro costrizioni che sono rappresentate dalle pedane su cui agiscono.  

Danzano anche tenendo tra le mani dei cactus che simboleggiano la vulnerabilità degli artisti sul palcoscenico. Alexander Ekman con questo lavoro restituisce al pubblico un’incisiva e gioiosa parodia dei più grandi eccessi della danza contemporanea. Cacti è diventato un successo mondiale ed è stato eseguito da 18 compagnie di danza nel mondo. Ha ricevuto la nomination per il premio di danza olandese Zwaan 2010, per il National Dance Award (UK) nel 2012 e per il prestigioso Olivier Award. È stato anche rappresentato su richiesta della Regina Beatrice dei Paesi Bassi per i reali di Norvegia in visita di Stato a Oslo nel 2010. Danzano insieme al Corpo di Ballo, il primo ballerino Claudio Cocino e Annalisa Cianci. 
 
Orchestra, Primi Ballerini, Solisti e Corpo di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma
 
Teatro Costanzi
 
Prima rappresentazione venerdì 31 marzo ore 20.00; repliche domenica 2 aprile ore 16.30; mercoledì 5 aprile ore 20.00; giovedì 6 aprile ore 20.00; venerdì 7 aprile ore 20.00; sabato 8 aprile ore 15.00; sabato 8 aprile ore 20.00
 
www.operaroma.it   

Nelle immagini dall'alto in basso: una scena di The Concert (© Yasuko Kageyama - Teatro dell'Opera), ritratti di Jerome Robbins e di Angelin Preljocaj, Eleonora Abbagnato in Annonciation (© Jean-Charles Verchere)

Condividi questo articolo

facebook