attualita'

Stampa

I CARABIBIERI RESTUTUISCONO DIPINTO AL BELGIO

on .

feb-18 carabinieti foto 1 
Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale
 
Ambasciata del Regno del Belgio 
 
 
Il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale restituisce al Belgio un importantissimo dipinto del XVI sec., olio su tavola, raffigurante la “XII Stazione della Via Crucis”, asportato da un Istituto religioso belga nel luglio del 1980.
 

Oggi, a Roma, presso la residenza dell’Ambasciatore del Belgio in Italia, S.E. dott. Frank Carruet, il Generale di Brigata Fabrizio Parrulli, Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, alla presenza del Procuratore della Repubblica di Isernia, dottor Paolo Albano, ha restituito il dipinto olio su tavola di scuola fiamminga, raffigurante “XII Stazione della Via Crucis, Gesù muore in croce” del 1520, rubato, insieme ad altri 14 dipinti e 7 arazzi, il 1° luglio del 1980 dall’Istituto Culturale e Religioso di Sainte Waudru a Mons.
 
L’importantissima pala d’altare, che era nella disponibilità di un ricettatore di Ciampino (RM), fa parte delle oltre 100 opere sequestrate dal personale del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, nell’ambito dell’operazione del settembre 2017, denominata “Start-Up”, scaturita a seguito di indagini, coordinate dalla Procura Repubblica d’Isernia, su furti in danno di chiese e istituti religiosi, che ha permesso di rintracciare il percorso di questa e diverse altre opere rubate e messe in vendita nei mercati antiquariali della provincia di Roma e in quello capitolino di Porta Portese. 

feb-18 carabinieri foto 3
La restituzione odierna, che segue quella di un altro dipinto asportato dalla stessa struttura religiosa belga e recuperato a Firenze nel 1988, dimostra l’importanza che riveste lo scambio di informazioni, anche livello internazionale, tra le varie forze di Polizia. Nella specifica circostanza, infatti, il furto del 1980 era stato segnalato dalle Autorità Belghe all’Italia e l’evento delittuoso, corredato da tutti gli elementi identificativi dell’opera, risultava censito nella Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita da questo Comando. Grazie a tali informazioni, anche a distanza di quasi quarant’anni, il bene sottratto, ormai creduto disperso, farà finalmente ritorno a casa.
 
Roma, 16 febbraio 2018. 

Condividi questo articolo